HomeCollana VenezieNextTornare alla politica | di Paolo Giaretta, postfazione di Francesco Jori

Tornare alla politica | di Paolo Giaretta, postfazione di Francesco Jori

 4,99

Paolo Giaretta. Laureato in Scienze Politiche, ha svolto la sua attività professionale in Regione Veneto nel settore delle politiche per l’artigianato e nella Camera di Commercio di Padova, di cui è stato vicesegretario generale. Nella vita politico/amministrativa è stato Sindaco di Padova, Senatore, Sottosegretario allo Sviluppo Economico nel Governo Prodi 2. È stato il primo Segretario regionale del Partito Democratico veneto.

Postfazione di Francesco Jori. Classe 1946, laurea in Scienze Politiche all’Università di Padova, giornalista professionista. Ha lavorato a Il Resto del Carlino, Il Mattino di Padova, Il Gazzettino, di cui è stato inviato speciale e vicedirettore, occupandosi in modo particolare della politica, dell’economia, della società del Nordest. Attualmente è editorialista dei quotidiani nordestini del gruppo Espresso. È vicedirettore del Centro Studi “Giorgio Lago” dell’Università di Padova. Con Edizioni Biblioteca dell’Immagine ha pubblicato i libri La filosofia della scarpa (2007) e L’ultimo dei barcari (2009); assieme a Toni Grossi Storia di Padova (2010); con altri autori Dal nostro corrispondente (2011); con Sergio Frigo ha curato i sette volumi veneti dell’Antologia dei grandi scrittori (2012). Con Canova ha pubblicato Prigionieri del Nordest (2005). Con Marsilio ha pubblicato Di Nordest non ce n’è uno (2007), Dalla Liga alla Lega (2009) e Senza politica (2012). Con Laterza ha pubblicato assieme a Giovanni Luigi Fontana, Giorgio Riello e Silvano Bressanin Racconti d’impresa (2009). Nel 2013 ha pubblicato Il Sud del Nord per Biblioteca dell’Immagine.

Descrizione

Si è pensato, di fronte ai fallimenti della politica, anche dal punto di vista della formazione di classi dirigenti, dell’offerta di amministratori adeguati al sistema delle partecipate pubbliche, di fare anche senza i “politici”. E’ stata la stagione di manager ed imprenditori alla guida del sistema delle partecipate pubbliche, con un passo indietro della politica, che aveva una coscienza non troppo limpida nella selezione del personale politico/amministrativo o non riusciva più a produrne. Possiamo dire che è stata una stagione di successi?

Introduzione di Paolo Giaretta

Il filo conduttore di quasi tutti miei interventi su Venezie Post qui raccolti penso sia evidente: per affrontare le sfide che il Nord Est si trova davanti occorre essere capaci di ritrovare una alleanza forte tra le istituzioni e società, ed in particolare con i motori dello sviluppo: mondo dell’economia, del lavoro, dell’innovazione. Unificarli in un progetto ambizioso. Come la politica debba essere capace di una profonda riorganizzazione che la renda meno superflua.

Sotto un certo profilo è un tema che è rimasto sempre sottotraccia nella storia del “miracolo del Nord est”. O meglio del miracolo (o dei miracoli) del Veneto, perché nelle Regioni a statuto speciale l’intreccio sviluppo/istituzioni è stato naturalmente più stretto: più soldi, più politiche, più rapporti.

Informazioni aggiuntive

Caratteristiche tecniche

Versione epub, 2016