Home Cult Nuove geografie dello sguardo
 

Analisi & Commenti

Nuove geografie dello sguardo

«La selezione dei film di quest’anno mi riempie di orgoglio per diversi motivi. Uno di questi, che scontato non è, è la numerosa presenza di registe in tutte le sezioni (circa la metà dei film). Non una mera questione di quote rosa, ma di alta qualità dei film proposti, che sono anche stati realizzati da donne», spiega la direttrice artistica di Working Title Film Festival, che sottolinea come in questa quarta edizione «le registe e i registi dei film in concorso ci offrano sguardi inediti e personali sulla società odierna nella dimensione locale e globale».