Home Cult “Le cose da salvare”: quanto è difficile abbandonare i propri ricordi
 

Approfondimenti

“Le cose da salvare”: quanto è difficile abbandonare i propri ricordi

L’anziano Gabriele Maestrale, rimasto solo nel suo appartamento sotto il Ponte Grazzani, crollato due anni prima, non riesce ad abbandonare la casa dov’è nato e ha vissuto. Decide così di rimanere lì, incapace di scegliere, tra gli oggetti che lo circondano, «le cose da salvare» Il romanzo di Ilaria Rossetti, già vincitrice di un Campiello Giovani nel 2007, tocca temi estremamente attuali: il crollo di una grande opera e le conseguenze che ha su un luogo e i suoi abitanti, la strumentalizzazione politica di una simile tragedia, l’immigrazione, l’emigrazione.